obiettivi, campi d’azione

OBIETTIVI E CAMPI D’AZIONE

Con i fondi raccolti mediante le prime donazioni ricevute al momento della costituzione della Fondazione e con i generosi contributi ricevuti tramite l’attribuzione del 5 X mille sono state realizzate alcune donazioni. Nella prima fase di vita la Fondazione si è limitata a seguire piccoli progetti di immediata e diretta realizzazione a favore dei bambini ed in particolare a favore di quei bambini che si trovano nei reparti di pediatria degli Ospedali. L’incontro e la conoscenza delle attività della Fondazione Theodora onlus (con i suoi clowns pronti a portare un sorriso ai bambini ricoverati nei vari reparti di pediatria) ha permesso alla Fondazione Beppe Lungo di prendere contatti con alcune strutture ospedaliere nelle quali la Fondazione Theodora coopera in maniera continuativa, e di scoprire alcune esigenze ed urgenze dei reparti pediatrici di tali ospedali.


GLI OBIETTIVI RAGGIUNTI

donazione-LI_1410

1)  Nel reparto di Pediatria dell’ospedale di Livorno il primario, Dott. Fabrizio Gadducci, ha segnalato le esigenze della piccola scuola ospedaliera nonché ludoteca esistente all’interno del reparto.
La Fondazione ha provveduto a rifornire la piccola scuola di tutti gli ausili didattici (materiale per pitturare, disegnare, carta, giochi didattici, computer, stampante e quant’altro di utile per i bambini) di cui avevano bisogno. Il Presidente Gianluigi Lungo, con la sorella Tiziana Lungo, ha consegnato direttamente il materiale, conosciuto il reparto e chi ci lavora.

2)  La seconda donazione della Fondazione Beppe Lungo è stata erogata a favore dell’Ospedale Sant’Orsola Malpighi (Bologna) su indicazione del Prof. Andrea Pession. Per il reparto di Oncematologia Pediatrica “Lalla Seragnoli” abbiamo provveduto all’acquisto e alla consegna Donazione-pediatria_1410di un misuratore automatico (Carescape V100) dei parametri vitali, dedicato alla rilevazione della pressione, temperatura, saturazione arteriosa e frequenza cardiaca, da utilizzare su pazienti pediatrici e neonatali.

3)  A novembre 2015 è stato ufficialmente consegnato un tiralatte elettrico professionale (mod. Medela Symphony) a favore della Struttura Complessa di Pediatria e Neonatologia del Presidio Ospedaliero del Levante Ligure (Ospedale Sant’Andrea di La Spezia), alla presenza del Direttore del Reparto, Dott. Prof. Stefano Parmigiani. ALLEGATI: ARTICOLO NAZIONE (PDF) | ARTICOLO SECOLO XIX (PDF)

4) La Fondazione, a seguito del terribile sisma che ha colpito il centro Italia, ha ritenuto doveroso dare un piccolo ma prezioso aiuto ad uno dei paesi colpiti, con un occhio speciale come sempre ai bambini. È stata pertanto effettuata una donazione al Comune di Pieve Torina, borgo marchigiano dei Monti Sibillini gravemente danneggiato dal terremoto, per contribuire al progetto di ricostruzione delle scuole comunali (asilo, scuola elementare e scuola media).

 


BORSE DI STUDIO

Donazione di n. 2 Borse di studio finalizzate a favorire il proseguimento della formazione universitaria in campo giuridico ed economico di due studenti meritevoli diplomati nell’anno scolastico 2015/16 e appartenenti agli istituti di secondo grado ad indirizzo economico della provincia di La Spezia e della Lunigiana.

Tali borse miravano a premiare due giovani promesse del territorio incentivandole a dedicarsi agli studi e alle competenze che Beppe Lungo ha esercitato con passione per anni, sia a La Spezia che ad Aulla, nel suo ruolo di dottore commercialista.

 


UN SOSTEGNO PER CHI SOSTIENE

Domenica 20 maggio 2018 presso il Castello di Terrarossa (Licciana Nardi) si è tenuto l’evento “UN SOSTEGNO PER CHI SOSTIENE – l’importanza del supporto psicologico ai pazienti oncologici e ai loro familiari”.

Durante tale evento è stato presentato il progetto “Non più soli”, attivato presso i day hospital oncologici degli Ospedali di Fivizzano e di Pontemoli e sostenuto già da alcuni mesi dalla Fondazione.

Tale progetto consiste nell’erogazione gratuita di un servizio di assistenza psicologica non solo ai pazienti oncologici ma anche ai loro familiari, costretti ad affrontare una situazione di altissimo stress, dolore e responsabilità. Questa preziosa attività è stata introdotta dalla dott.ssa Paola Pacetti, oncologa ematologa responsabile dei day hospital oncologici della Lunigiana, e spiegata più nel dettaglio dalla dott.ssa Laura Bertagnini, psicologa psicoterapeuta responsabile del progetto.

A seguito della presentazione gli intervenuti hanno potuto godere del monologo teatrale “Il ritratto della salute”, portato in scena dall’attrice professionista Chiara Stoppa, un racconto sincero, grintoso e ironico sulla sua esperienza di malata oncologica che ha avuto la fortuna di guarire.